LISTA GENERALE RELAZIONI






IVgrado - FRIULI OCCIDENTALE

PIC CHIADENIS
Via dei Tedeschi (Parete Nord)

relazione: Fulvio Pin; correzione per il sito: Emiliano Zorzi

introduzione presente nella guida

Il Pic Chiadenis è la slanciata guglia che sovrasta il Rifugio Calvi ed è una delle più belle e caratteristiche montagne della zona e del piccolo massiccio del Chiadenis, compreso fra il Passo Sesis e il Passo dei Cacciatori. La classica Via dei Tedeschi è una salita facile e molto gradevole, attrezzata dagli alpini con i tipici grossi anelli in ferro di sicurezza che costellano le vie della zona. La prima parte si svolge lungo una rampa inclinata fino a una forcella di cresta, lungo la quale l'arrampicata si svolge rilassata e divertente. Dopo la forcella, passati sulle guglie e intagli della cresta E, il terreno, benché facile, diviene friabile e richiede attenzione, anche se le molte ripetizioni hanno un po' ripulito il percorso.

racconto della salita e impressioni

Con Max abbiamo "affrontato" questa salita a fine agosto 2012, anche e soprattutto per controllare un po' i "disguidi" nella relazione inserita nella guida dove c'è stata un po' di confusione nei tiri.
All'andata siamo stati accompagnati fino all'attacco da una simpatica famigliola i cui figli piccoli volevano vedere come si arrampica (hanno scelto i soggetti sbagliati!) e perciò sono stati a vederci per un po' dal sentiero, nonostante la mamma tentasse in tutti i modi di scoraggiare i futuri alpinisti in erba.
Altro gradito incontro lungo la via di due facce conosciute e frequentatrici della falesia di Casa Cadorna a Doberdò.
Insomma una giornata relax, anche se le roccette friabili degli ultimi tiri non sono proprio una goduria.
Il sole cogente poi ha necessitato di grandi innaffiate di rader.

RELAZIONE COMPLETA NELLA GUIDA
IVgrado e più - FRIULI OCCIDENTALE

 

 

 

 

 

 

 

CORREZIONI ed AGGIORNAMENTI

ATTENZIONE: La via si compone di 11 tiri in totale e non di 13 come riportato erroneamente nella relazione.
Ecco qui la relazione aggiornata:

1) Si sale la rampa senza percorso obbligato fino alla prima sosta sul caratteristico anello cementato. 35 m; 2°; 1AF+1SF.
2) Si continua per la rampa incontrando difficoltà simili al tiro precedente. Dopo circa 30 m si incontra 1A su un terrazzino a sx(possibile sosta). Con corde da 60 m conviene continuare fino alla sosta successiva su AF. 55 m ; 2°, p. 3°; 1S, 1AF+1SF.
3) Qui la rampa inizia ad impennarsi maggiormente. Si sale nei pressi della fessura che la rampa forma con la parete. Dopo circa 25 m si incontra 1C nascosto nella rampa e subito dopo 1S. Poco sopra si sosta. 30 m ; 3°, 3°+; 1C , 1S, 1AF+1SF.
4) Dalla sosta si continua mirando ad 1S a sx (p. 4°) per poi traversare a dx su roccia gradonata andando a sostare comodamente. 25 m; 3°, p. 4°; 1S, 1AF.
5) Si segue la fessura che incide la rampa e che poi diventa camino (1S poco prima della fine del camino) fino ad arrivare ad una piccola forcella con sasso, dove termina la prima e caratteristica parte della via. 30 m ; 3°, p. 4°; 1S, 1AF.
6) Si prosegue sulla paretina del diedro soprastante la sosta per roccia lavorata, superando un passaggio più difficile (p. 4°, 2C) fino ad entrare nel diedro liscio ed inclinato (1S) che si percorre con bella arrampicata fin dove si trasforma in canale. 30 m ; 4°; 2C, 1S, 1AF.
7) Si prosegue per un facile canale (1C) sino alla sosta successiva ad una forcella sulla cresta principale. 20 m ; 2°; 1C, 1AF.
8) Guardando dal versante da cui si è saliti, si segue la cresta sulla dx passando sul versante opposto dove si traversa in lieve salita su rocce friabili ma facili (1C, 1S) stando sotto il filo di cresta, fino sull'anticima della cresta. 30 m ; 1°, p. 2°, 1C, 1S, 1AF+1SF.
9) Si scende al successivo intaglio tra anticima e cima per rocce facili ma molto rotte e instabili, assicurate da 1S a metà. 30 m; 1°, p. 2°, 1S, 1AF+1SF.
10) Si scala la fessura-camino sovrastante, un po' friabile, con un punto più impegnativo in corrispondenza di un restringimento (p. 4°, 1S). Per terreno più facile ma ricoperto di ghiaia si giunge alla sosta. 20 m ; 3°, p. 4°; 1S, 1AF+1SF.
Si continua nel camino incontrando, superando dopo una decina di metri un muretto un po' più difficile (p. 3°+, 1S) per poi uscire poi per canalini direttamente in cima. 20 m ; 2°, 3°, p. 3°+; 1S, 1AF.



IMMAGINI AD ALTA DEFINIZIONE SCARICABILI




GALLERIA IMMAGINI

Belle gallerie fotografiche su picasaweb e sul sito Nolimitsextreme

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contatori visite gratuiti

 

 

AVVERTENZA: le relazioni, internet e sulle guide cartacee, sono compilate con la massima coscienziosità ma non si garantisce per eventuali errori o incompletezze. L'uso delle informazioni contenute in esse è a proprio rischio. Gli autori e l'editore non si assumono quindi nessuna responsabilità per eventuali incidenti o qualsiasi altra conseguenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SITI GEMELLI