volume esaurito
(nuova edizione prevista 2017)

acquista qui le guide
e-mail contatto
link e siti amici
aggiornamenti
FRIULI ORIENTALE
FRIULI OCCIDENTALE
DOLOMITI ORIEN. / 2
DOLOMITI ORIEN. / 1
DOLOMITI OCCID. / 2
DOLOMITI OCCID. / 1

 

 

FRIULI ORIENTALE

INDICE PER DIFFICOLTÀ

Dato il taglio della guida e data l'estrema varietà dei percorsi, mi sembra che sia utile cercare di dare alcune indicazioni pratiche ai lettori in modo che possano scegliere fra i percorsi presenti nel volume l'uscita più adeguata alle capacità e all'ispirazione del momento.

Ognuna delle varie tipologie qui proposte, che spesso possono essere discutibili o non facilmente classificabili, racchiude in sé un diverso tipo di fascino, di difficoltà e richiede un diverso tipo di capacità ed esperienza. Questa ripartizione sommaria non esime comunque dal leggere attentamente l'introduzione alla via scelta e la relazione della stessa per avere un'idea precisa di cosa si è scelto.

È più difficile la Via Crete Rosse di destra o la Via di Dogna al Montasio? Al lettore-scalatore la sentenza.

 

Vie normali alpinistiche e facili vie d'ambiente

Sono quei percorsi al confine fra escursionismo ed alpinismo. Spesso richiedono ore di avvicinamento e magari di discesa impegnativa per effettuare qualche tiro di corda di bassa difficoltà; ciò implica una buona preparazione fisica generale. Normalmente chi ha già una buona esperienza alpinistica le può percorrere in conserva o slegato. L'interesse risiede nell'ambiente più che nella scalata e possono essere una buona "porta d'ingresso" a chi voglia conoscere la montagna nell'accezione più ampia del termine.

015 Monte Sernio Spigolo Ovest
022 Medace Normale
023 Zuc dal Bor Normale
048 Cima Alta di Riobianco Normale
060 Strugova Parete Ovest

Vie a spit facili

Essendo attrezzati a spit sistematicamente ed offrendo perciò un elevato grado di sicurezza, sempre e comunque dando per scontato che si conoscano tutte le tecniche di assicurazione e si abbia una buona dose di umiltà, possono essere considerati veri e propri percorsi per principianti che vogliano salire lontano dal suolo. Spesso sono anche validi percorsi per l'inizio stagione o per giornate dal meteo incerto.

012 Gartnerkofel Trappola in alta quota
035e Falesia Piussi Arditi
035f Falesia Piussi Julia
035g Falesia Piussi Le Portatrici
069 Monte Amariana Benemerita (**)
070 Monte Amariana Apuanica + Aracnofobia (**)
071 Monte di Anduins Gina del Masarach
072 Monte Rest Lacrima Bianca
073 Monte Rest Valla
074 Monte Rest Cascata

(**) Vie di bassa difficoltà ma da affrontare con cautela.

Classiche per principianti

Sono quelle che spesso vengono chiamate "vie da fine corso", sulle quali le basse difficoltà tecniche, la logica evidente del percorso che non permette sbagli, la vicinanza a punti di appoggio e la roccia solida e ben assicurabile, le rendono adatte a chi vuole muovere i primi passi da capocordata (ricordando il titolo di una nota pubblicazione), scontrandosi per le prime volte con problemi quali l'assicurarsi "in proprio", i metri di corda svolta sotto il sedere ecc...

001 Creta d'Aip Bicicletta
010 Creta di Pricot Pesamosca
013 Monte Zermula Via di dx
016 Torre Nuviernulis Via degli Amici
033 Ago di Villaco Spigolo Sud
049a Cima Alta di Riobianco Spigolo Nord (originale)
051 Cima Grande della Scala Rampa Sud di dx
056 Vetta Bella Rampa Orientale
057 Vetta Bella Rampa Mediana
062 Mala Mojstrovka Spigolo Nord
068 Glemine Spigolo

Vie a spit alpinistiche

Sono vie "strane", snobbate magari dagli alpinisti "puristi" perché attrezzate con protezioni e soste a spit ma anche dai "falesisti" in quanto i pochi spit presenti non possono essere certo usati come unici rinvii di protezione. Invece spesso sono percorsi divertenti sia per chi vuole passare gradualmente dalla falesia all'ambiente, sia per chi già ha una solida preparazione per passare giornate godendo della pura e semplice scalata. Sono tipici in questo senso i percorsi aperti da Eugenio Cipriani, a volte su pareti estranee al grande alpinismo classico e lungo linee non sempre naturali, permesse dall'uso dello spit, ma dall'indubbio divertimento. Comunque da non prendere sotto gamba, anche perché alcune di queste richiedono un grado elevato o molto elevato, come per esempio le vie degli amici del GARS sui colatoi prealpini della Val di Resia, fra le più impegnative della guida, o l'originale mix sulla Cresta Berdo.

002 Creta d'Aip Pilastro Nord
004 Creta d'Aip Pilastro Sud-Est
020 Anticima Nordest della Grauzaria Flopland
029 Cresta Berdo Rimmel
063 Monte Zaiavor Vento Selvaggio
065 Costiera dei Musi - Stolaz Tanat-Placun
066 Costiera dei Musi - versante Nord Veri Capitani
067 Costiera dei Musi - versante Nord Muesli

Grandi vie d'ambiente

I percorsi di fine ottocento, su cui sicuramente si muovevano con più disinvoltura i pionieri di cento e più anni fa che gli alpinisti di oggi. Richiedono grande preparazione fisica e sicurezza nel passo e nel muoversi in ambienti spesso insidiosi anche se non di grande difficoltà tecnica. Su queste vie avere il livello di 7a conta ben poco rispetto all'essere padroni della situazione, alla conoscenza dell'ambiente e delle manovre di sicurezza come la corda corta o il saper procedere slegati, per non far divenire la salita una lunga odissea di ore se non di giorni.

021 Creta Grauzaria Direttissima
024 Jof di Montasio Canalone Sud
025 Jof di Montasio Dogna
026 Jof di Montasio Kugy-Horn
027 Jof di Montasio Kugy (parete Nord)
038 Grande Nabois Cengia dei Camosci
039 Jof Fuart Gola Nord-Ovest
044 Cima del Vallone Rampa Sud + Cresta Est
050 Cima Alta di Riobianco Klug

Vie classiche di media difficoltà

Il vero e proprio regno dell'alpinista "quartogradista" un po' nostalgico. È necessario avere alle spalle già un'esperienza prettamente alpinistica, il saper muoversi in ambiente con disinvoltura, magari su difficoltà non elevatissime ma con tutto il fascino e le insidie delle vie di montagna. A seconda della loro lunghezza, difficoltà, collocazione, qualità della roccia e tipologia dell'arrampicata, possono variare fra percorsi di grande soddisfazione ad altri che richiedono già una elevata padronanza tecnica e psicologica rispetto agli ostacoli che vi si possono incontrare.

014 Monte Zermula Meledes
017 Torre Nuviernulis Fessura Feruglio
019 Sfinge della Grauzaria Gilberti
030 Torre Palizza Ursella
031 Jof Moz Il Paese delle Meraviglie
036 Campanile di Villaco Weiss
037 Campanile di Villaco Migliorini
042 Cima di Riofreddo Bauer + Zuani
043 Media Vergine Camino Holzner
045 Cima del Vallone Via col Medico
046 Pinnacolo del Vallone Metzger
049b Cima Alta di Riobianco Spigolo Nord (integrale)
052 Cima Grande della Scala Botteri
053 Cima Piccola della Scala Piemontese-Ive
054 Cima Piccola della Scala Bulfoni-D'Eredità
058 Cima delle Cenge Direttissima
059 Cima delle Cenge Sac, Nani e chel de Nite
064 Costiera dei Musi - Veliki Rop Colavizza

Vie a spit di media o alta difficoltà

Sono percorsi che richiedono, evidentemente, una grande preparazione tecnico-fisica ed un'abitudine a "viaggiare" su gradi medio-alti in falesia. La loro attrezzatura a spit le rende di fatto percorsi sportivi, per questo dalla difficoltà psicologica molto bassa (anche se non sempre banale) e dall'eventuale ritirata sempre sicura. Possono essere provati da molti ma spesso sono impietosi con chi non possiede il grado richiesto, causando poi inevitabili "crisi" di autostima alpinistica per chi si veda costretto a ritornare alla base della parete con la coda o meglio la corda fra le gambe.

005a Creta d'Aip Crete Rosse di sx
005b Creta d'Aip Crete Rosse di dx
005c Creta d'Aip Rumpelstitzchen
006 Creta di Pricotic Lomasti (placche)
007 Creta di Pricotic Lomasti (fessura)
011 Torre Clampil Cipriani
035a Ago di Villaco Piussichenò
035b Ago di Villaco Viktoria
035c Ago di Villaco Pantera Nera
036e Falesia Piussi Gran Diedro
041 Torre delle Madri dei Camosci Angelina

Classiche di alta difficoltà

Sono i fiori all'occhiello della guida ma anche quelli che richiedono tutte le qualità sommate: ottime capacità tecniche, grande preparazione fisica, una solidissima esperienza in ambiente e una grande attitudine a valutare ed individuare il percorso. Per questo sono sempre di alto impegno psico-fisico. Da non intraprendere se non si hanno tutti i requisiti del caso.

003 Creta d'Aip Pilastro Biba
008 Cavallo di Pontebba Gocce di Tempo
009 Cavallo di Pontebba Guerrino di Marco
018 Torre Nuviernulis Diedro Bulfoni
028 Forca Rossa del Montasio Canalone Rosso
032 Jof Moz Via dell'Arco
034 Ago di Villaco Piussi (**)
040 Torre delle Madri dei Camosci Deye-Peters
046 Cima del Vallone Krobath-Metzger
047 Pinnacolo del Vallone Piussi
055 Pan di Zucchero Bulfon-Perissutti
061 Jalovec Spigolo Comici

 

(**) Via molto breve.

 

 

 

SITI GEMELLI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contatori visite gratuiti