acquista qui le guide
e-mail contatto
link e siti amici
aggiornamenti
FRIULI ORIENTALE
FRIULI OCCIDENTALE
DOLOMITI ORIEN. / 2
DOLOMITI ORIEN. / 1
DOLOMITI OCCID. / 2
DOLOMITI OCCID. / 1

 

 

DOLOMITI ORIENTALI (parte 1)
nuova edizione 2016
collana Roccia d'Autore n° 15

A sei anni dalla prima edizione, e visto il sostanziale interesse per questo tipo di pubblicazione, eccoci ad ammirare ancora le più belle pareti dolomitiche. Visiteremo vie classiche con uno sguardo nuovo: molte sono, infatti, le relazioni compendiate dagli schizzi dell'affermato disegnatore Marco Romelli.
E poi arrampicheremo sulle vie più moderne, sempre affiancate dalle puntigliose e precise descrizioni di Emiliano Zorzi, l'uomo del IV grado.

introduzione di Francesco Cappellari alla nuova edizione

 

Dopo 6 anni dalla prima edizione e dall'ottima accoglienza che il volume IVgrado in Dolomiti 2 ha ricevuto dai lettori, è ormai tempo per la completamente rinnovata seconda edizione che, per inserirsi nel sistema ormai organico dell'ampia collana dedicata alle rocce dolomitiche, ha preso il titolo di Dolomiti Orientali volume 1 .

Come nella prima edizione ci sono le classicissime di media difficoltà di gruppi mondialmente famosi come le Lavaredo, le Tofane, il Civetta, ma anche chicche più nascoste, dalle Marmarole allo Zoldano, adatte agli amanti della pace e della tranquillità.

Questa nuova edizione si è ampliata grazie a molte nuove proposte, anche di livello un po' più alto del quartogrado distintivo della collana. È stata completamente rivista nei materiali testuali e fotografici, correggendo gli inevitabili errori e le sviste della prima edizione, aggiungendo i ritocchi necessari per far sì che il libro sia al passo con i cambiamenti che più spesso di quanto si pensi riguardano l'attrezzatura, e quindi il modo di percorrere, delle nostre belle classiche dolomitiche. In questo senso varie vie, nel lasso di tempo fra le due edizioni, sono state ripercorse personalmente dall'autore o da amici-collaboratori fidati.

Un'altra novità non meno importante sta nel fatto che sono stati aggiunti molti schizzi tecnici per una più immediata “lettura” sul campo, anche se rimango fermamente convinto che una relazione scritta, per quanto sintetica, - unita a una buona foto - sia insostituibile per trasmettere tutte quelle informazioni che inevitabilmente uno schizzo, strumento più “freddo”, omette riguardo le caratteristiche, i pregi e i punti dove prestare particolare attenzione in una scalata, in modo che questa sia sempre vissuta con la necessaria serenità e controllo.

Per il resto le caratteristiche, con le migliorie intervenute nelle altre guide della collana (vedi ad esempio le cartine topografiche), rimangono le stesse, così come l'essenza: il dare uno strumento utile per poter scegliere e vivere in consapevolezza e tranquillità quelle splendide giornate che nascono dall'incontro fra la pelle delle mani, il sudore della fronte e la dolomia.

Infine mi preme di ringraziare, di nuovo, i collaboratori e amici, primo fra tutti – per quantità e disponibilità - Luca Brigo, che hanno ri-fornito il prezioso materiale già presente nella prima edizione con anche l'aggiunta di qualche nuova perla.

Un nuovo augurio di buona lettura e di buone scalate,

Emiliano Zorzi

 

 

 

SITI GEMELLI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contatori visite gratuiti